MENU
Case History

FINANZA AGEVOLATA - CREDITO D'IMPOSTA PUBBLICITA'

Credito d'imposta pubblicità 2018

Sai quali sono le caratteristiche dello strumento?

Diventa finalmente operativo il credito d’imposta agli investimenti pubblicitari incrementali, ossia il cosiddetto “Bonus pubblicità“.

Sulla Gazzetta Ufficiale del 24 luglio è stato, infatti, pubblicato il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con le disposizioni applicative del provvedimento. Le domande per l’accesso all’agevolazione, relativa agli investimenti pubblicitari incrementali sulla stampa effettuati nel 2017 e nel 2018, andranno presentate a decorrere dal prossimo 22 settembre ed entro il 22 ottobre.

 

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono beneficiare del credito d'imposta:


• i soggetti titolari di reddito d'impresa
• i titolari di lavoro autonomo
• gli enti non commerciali


che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie, il cui valore complessivo superi di almeno l’1% gli investimenti effettuati nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione (per stesso mezzo di informazione si intende la tipologia di canale informativo:stampa/emittenti radio-televisive).Nel caso di investimenti pubblicitari su entrambi i mezzi di informazione, l’incremento relativo all’investimento pubblicitario per il quale si chiede il credito d’imposta è verificato e calcolato distintamente in relazione ai due mezzi informativi, in ragione dei rispettivi incrementi percentuali.


Agevolazione concedibile 

Il credito d’imposta è pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati, elevato al 90% nel caso di microimprese, PMI e start-up innovative.
Il credito d’imposta liquidato potrà essere inferiore a quello richiesto nel caso in cui l’ammontare complessivo dei crediti richiesti con le domande superi l’ammontare delle risorse stanziate.


Investimenti ammissibili
Sono ammissibili al credito d’imposta gli investimenti in campagne pubblicitarie sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line, e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali,analogiche o digitali, effettuati dal 1° gennaio 2018, il cui valore superi di almeno l’1% gli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nell’anno precedente(investimenti incrementali). In sede di prima attuazione, sono agevolabili anche gli investimenti pubblicitari incrementali sulla stampa quotidiana e periodica, anche on line, effettuati dal 24 giugno al 31 dicembre 2017, purché il loro valore superi almeno dell’1% l’ammontare degli analoghi investimenti effettuati sugli stessi mezzi di informazione nel 2016.


Modalità di accesso all'agevolazione
Per accedere al credito d’imposta, gli interessati, nel periodo compreso dal 1° al 31 marzo di ciascun anno, devono presentare un’apposita comunicazione telematica 

Per l’anno in corso:
la comunicazione telematica deve essere presentata a partire dal 22 settembre e fino al 22 ottobre 2018;
per gli investimenti incrementali effettuati dal 24 giugno al 31 dicembre 2017 la comunicazione va effettuata in modo separato.


Dovrà poi seguire apposita rendicontazione dei costi effettivamente sostenuti.

CUMULO CON ALTRE AGEVOLAZIONI

Il credito d’imposta è alternativo e non cumulabile, in relazione a medesime voci di spesa, con ogni altra agevolazione prevista da normativa statale, regionale o europea.

 

CONTATTACI 

scopri di più negli allegati - finanza agevolata 

CATEGORIA: Finanza agevolata

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.