MENU
News & Eventi

DECRETO CRESCITA 2019

DECRETO CRESCITA 2019

Martedì 30 aprile 2019 il Decreto Crescita è stato ufficialmente pubblicato in Gazzetta Ufficiale, riportando i seguenti provvedimenti:

  • Reintroduzione del Superammortamento

Per gli investimenti in beni strumentali nuovi effettuati dal 1° aprile 2019 al 31 dicembre 2019 e per quelli consegnati entro il 30 giugno 2020, purché sia stato pagato il 20% d’acconto e ricevuta la conferma d’ordine dal fornitore entro il 31 dicembre 2019, ai fini dell’ammortamento è possibile effettuare una maggiorazione del 30% dei costi di acquisizione.

                                                            

  • Nuova Sabatini

Il plafond per singola impresa viene elevato dagli attuali € 2 milioni a € 4 milioni. In caso di finanziamento di importo non superiore a € 100.000, il contributo viene erogato in un’unica soluzione.

 

  • Digital Transformation

Le agevolazioni riguardano progetti di Impresa 4.0 (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecurity, big data e analytics).

Agevolazioni:

Agevolazioni finanziarie fino al 50% dei costi ammissibili, costituite da contributi a fondo perduto e finanziamento agevolato, il cui mix sarà reso noto da decreto MISE entro 90 giorni.

Beneficiari:

PMI che:

1)  operano in via prevalente/primaria nel settore manifatturiero e/o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere;

2) presentano ricavi delle vendite per almeno 500.000 euro nell’ultimo bilancio depositato;

3)  abbiano approvato e depositato almeno due bilanci.

Costi ammissibili:

I progetti devono presentare un importo di spesa almeno pari a € 200.000.

  • Credito d’imposta per la partecipazione di PMI a fiere internazionali

Alle PMI esistenti alla data del 1° gennaio 2019 è riconosciuto, per il periodo d’imposta 2019, un credito d’imposta nella misura del 30 per cento delle spese, fino ad un massimo di € 60.000, per la partecipazione a manifestazioni fieristiche internazionali di settore che si svolgono all’estero. Vengono agevolati i costi per l’affitto degli spazi espositivi, per l’allestimento dei medesimi spazi, per le attività pubblicitarie, di promozione e di comunicazione, connesse alla partecipazione.

Il credito d’imposta è ripartito in tre quote annuali di pari importo ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione. Per le modalità operative, il MISE emetterà il decreto attuativo entro 60 giorni.

 

  • Progetti di R&S per la riconversione dei processi produttivi nell’ambito dell’economia circolare

Agevolazioni:

·       finanziamento agevolato del 50% dei costi ammissibili

·       contributo a fondo perduto del 20% dei costi ammissibili

a sostegno di progetti di ricerca e sviluppo finalizzati a un uso più efficiente e sostenibile delle risorse.

Beneficiari:

Le imprese e i centri di ricerca che operano in via prevalente nel settore manifatturiero o in quello dei servizi diretti alle imprese manifatturiere, che abbiano approvato e depositato almeno due bilanci.

I soggetti proponenti possono presentare progetti anche congiuntamente tra loro o con organismi di ricerca, fino ad un massimo di tre soggetti co-proponenti (in tali casi i progetti congiunti devono essere realizzati mediante il ricorso al contratto di rete o al consorzio o all’accordo di partenariato).

Costi e durata:

Sono ammissibili i progetti che presentino costi compresi tra € 500.000 e € 2.000.000 e una durata compresa tra 12 e 36 mesi.

Progetti ammissibili:

I progetti devono essere finalizzati alla riconversione produttiva delle attività economiche attraverso la realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali Key Enabling Technologies (KETs), relative a:

1) innovazioni di prodotto e di processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse e di trattamento e trasformazione dei rifiuti, compreso il riuso dei materiali in un’ottica di economia circolare o a «rifiuto zero» e di compatibilità ambientale (innovazioni eco-compatibili);

2) progettazione e sperimentazione prototipale di modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento dei percorsi di simbiosi industriale, attraverso, ad esempio, la definizione di un approccio sistemico alla riduzione,

3) riciclo e riuso degli scarti alimentari, allo sviluppo di sistemi di ciclo integrato delle acque e al riciclo delle materie prime;

4) sistemi, strumenti e metodologie per lo sviluppo delle tecnologie per la fornitura, l’uso razionale e la sanificazione dell’acqua;

5) strumenti tecnologici innovativi in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e di efficientare il ciclo produttivo; sperimentazione di nuovi modelli di packaging intelligente (smart packaging) che prevedano anche l’utilizzo di materiali recuperati.

 

  • Semplificazione del Patent Box

Diventa possibile, per chi lo desidera, evitare la fase di ruling (negoziazione) con l’Agenzia delle Entrate, presentando all’AdE le informazioni necessarie che spieghino come si è arrivati alla determinazione del reddito agevolativo e accettando la riduzione del periodo agevolativo da 5 a 3 anni. L’AdE emetterà una circolare esplicativa entro 90 giorni.

Contattaci per maggiori informazioni!

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.