MENU
Case History

NUOVA SABATINI 2019

Di cosa si tratta?

La Nuova Sabatini 2019 è un’agevolazione istituita dal Ministero dello Sviluppo Economico per facilitare l’accesso al credito delle imprese che vogliono investire nell’acquisto o nell’acquisizione in leasing di beni strumentali quali:

  • macchinari
  • attrezzature
  • impianti
  • beni strumentali ad uso produttivo
  • hardware, software e tecnologie digitali.

Tali beni devono essere nuovi e riferiti alle immobilizzazioni materiali per “impianti e macchinari”, “attrezzature industriali e commerciali” e “altri beni”.

L’obiettivo della misura, riconosciuta fino al 31 dicembre 2019, è di accrescere la competitività del sistema produttivo italiano.

 

Chi può accedere al bonus?

Tutte le micro, piccole e medie imprese (PMI) che:

  • hanno sede operativa in Italia
  • sono iscritte al Registro delle imprese o al Registro di pesca
  • godono pienamente dei propri diritti e non sono in liquidazione volontaria o sottoposte a procedure concorsuali
  • non hanno ricevuto e poi dovuto rimborsare aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione Europea
  • non sono in difficoltà economica.

 

Come presentare domanda?

Dal 7 febbraio, tutte le imprese in possesso dei requisiti e che vogliono beneficiare della misura devono compilare la domanda sul sito ufficiale del Ministero dello Sviluppo Economico nella sezione Beni strumentali (“Nuova Sabatini”) - Erogazione contributo.

Scaricato il modulo di domanda, l’impresa deve compilare la documentazione richiesta, firmare i moduli con firma digitale e inviare tutto tramite PEC all’indirizzo PEC della banca a cui chiede il finanziamento, a scelta tra quelle che aderiscono al bonus.

Se la banca riconosce il possedimento di tutti i requisiti e concede il bonus, l’impresa potrà effettuare l’investimento già a partire dal giorno successivo all’invio della domanda tramite PEC (a eccezione del settore agricolo) e comunque entro 12 mesi dalla stipula del contratto di finanziamento con la banca o un intermediario autorizzato.

L’impresa deve poi attestare l’avvenuto investimento entro il termine di 60 giorni anche al Ministero dello Sviluppo Economico, che provvederà all’erogazione del contributo in più quote annuali.

 

Cosa spetta alle imprese che hanno ottenuto l’agevolazione?

Ottenuto l’accesso al bonus, le PMI beneficeranno di un investimento coperto da un finanziamento bancario o leasing:

  • fino all’80% coperto dal Fondo di garanzia PMI
  • della durata massima di 5 anni
  • di un importo compreso tra 20.000 euro e 2 milioni di euro.

Il finanziamento deve essere utilizzato esclusivamente per coprire gli investimenti ammissibili.

 

Vuoi ricevere maggiori informazioni? Contattaci!

CATEGORIA: Finanza agevolata

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.