MENU
News & Eventi

TASSA SULL'AUTO AZIENDALE

Tutto quello che devi sapere in 3 punti.
  1. Che cos'è?
  2. Che cosa prevede?
  3. Chi riguarda?

Quando il governo prepara la bozza della Legge di Bilancio, lo fa con un obiettivo: comunicare all’UE le entrate-uscite e le coperture finanziarie per l’anno successivo, fornendo alle agenzie di rating un quadro della direzione economica e riformista che l’Italia intende perseguire nell’immediato futuro. All’interno della manovra fiscale, però, non troviamo solo misure agevolative per le imprese ma anche proposte di tassazione inserite per cercare di arginare il debito pubblico dello Stato, che ad oggi ammonta a quasi € 2,5 Mld.

A tal proposito, tra i diversi provvedimenti in approvazione nella Legge di Bilancio, avrai sicuramente sentito parlare negli ultimi giorni della tassa sull’auto aziendale che, se confermata, dovrebbe garantire al governo entrate per oltre mezzo miliardo di euro.

Vediamola nel dettaglio.

 

Che cos’è?

La tassa sull’auto aziendale è una misura di tassazione a tutela dell’ambiente proposta dal M5S per sensibilizzare i guidatori

 

Che cosa prevede?

Nella sua formula originale, la tassa sull’auto aziendale prevede:

  • un aumento dal 30% al 60% del valore di fringe benefit* per i veicoli a benzina o diesel
  • un aumento dal 30% al 100% del valore del fringe benefit per le auto superinquinanti
  • un aumento del 30% del valore del fringe benefit per le auto ibride ed elettriche.

Restano esenti le autovetture utilizzate a fini commerciali e tutti coloro che rientrano nella categoria di “agenti e rappresentanti di commercio”.

 

Chi riguarda?

La stangata colpisce i due milioni di lavoratori dipendenti che utilizzano l’auto aziendale e, in maniera trasversale, tutte le case automobilistiche. In particolare:

  • suv
  • auto sportive di grossa cilindrata
  • utilitarie come Alfa Romeo Giulietta, Fiat500X, Fiat 500L

caratterizzati da un livello di emissioni di CO2 superiori alla soglia dei 160 g/km.

Si stima che, a seguito della manovra, gli interessati potrebbero arrivare a pagare quasi € 2.000 in più di tasse all’anno, ed è per questo motivo che la tassa sull’auto aziendale sta facendo parecchio discutere. Le proteste degli ultimi giorni, però, dovrebbero aver ottenuto l’effetto sperato: l’aumento delle tasse dovrebbe essere rimodulato e slittare di un anno.

 

*I fringe benefit sono “benefici accessori” alla retribuzione, ovvero elementi aggiuntivi alla busta paga riconosciuti ai lavoratori per integrare il loro normale compenso o incentivarli a una maggiore produttività.

 

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle soluzioni finanziarie per la tua azienda.

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Potrai consultare le nostre Privacy Policy e Cookie Policy aggiornate in qualsiasi momento.