MENU
Finanza per tutti

ACCESSO AL CREDITO:VALUTAZIONI QUALITATIVE. CARO IMPRENDITORE QUESTO POST E' PER TE!

Accesso al credito - II parte

La scorsa settimana abbiamo iniziato a parlare di accesso al credito, dei requisiti presi in considerazione dalle banche e delle valutazioni che ogni imprenditore dovrebbe fare prima di richiedere un finanziamento.

Come detto, per il calcolo del rating le banche si basano sugli aspetti qualitativi, quantitativi e sull'andamento aziendale degli ultimi anni.

La scorsa settimana abbiamo parlato degli aspetti quantitativi, questa settimana affronteremo quelli qualitativi.

Quali sono gli aspetti qualitativi?

L’analisi qualitativa ha l’obiettivo di individuare e acquisire informazioni sull’ impresa, sul settore di attività e sul mercato di riferimento in cui opera, con lo scopo di individuare i punti di forza e di debolezza.

Nella maggior parte dei casi gli aspetti qualitativi derivano da informazioni di natura non economica relative all’azienda stessa o al settore di appartenenza (ad esempio, analisi di mercato, notizie stampa).

Non ci divulgheremo troppo sui singoli aspetti, lo faremo più avanti prendendoli in esame uno ad uno, per ora li citiamo dicendo che quelli presi ad esame sono:

1.il settore merceologico a cui l'azienda appartiene,

2. la storia aziendale e l'evoluzione temporale,

3. il management e l'organigramma,

4. l'efficacia del controllo di gestione,

5. il business plan e la pianificazione a medio-lungo termine.

Dall'elenco di questi fattori la banca valuta la situazione in cui si trova l'azienda sia rispetto alla crisi settore, sia rispetto a situazioni di carattere straordinario come ristrutturazioni, fusioni o diversificazioni.

Ti sei mai chiesto cosa si dice su di te e sulla tua azienda?

L’istituto di credito può reperire, per esempio, dal tuo sito internet o dalle tue brochure commerciali, o da altri data-base che raccolgono informazioni sulle tue abitudini di pagamento. Ma anche queste notizie potrebbero essere datate o in aggiornamento e comunque non potranno mai essere complete in quanto descrivono solo una piccola parte dell’azienda e non contengono previsioni o indicazioni sul futuro.

Le aziende maggiormente esposte a valutazioni negative sono le piccole e medie imprese, che sono le più numerose del tessuto imprenditoriale italiano.

Ti sei mai chiesto che reputazione hai sul mercato?

Altro fattore importante da considerare: credibilità e trasparenza aiutano le imprese ad essere visibili in un mercato finanziario in continua e rapida evoluzione, che favorisce le imprese in grado di auto-valutarsi, di individuare i propri fabbisogni e di presentarsi in modo appropriato ai terzi finanziatori.

Facciamo una serie di considerazioni perché capita a volte che l’imprenditore non sia completamente pronto alle domande che gli vengono rivolte e noi di Italfinance siamo qui per questo.

La preparazione e la programmazione dell’attività d’impresa presente e futura, non è da tutti, la nostra divisione di Consulenza bancaria e valutazione del rating mira a rendere il Cliente assistito autonomo in una prima valutazione della sua azienda. 

Lo diciamo da sempre, i nostri Clienti non sono un numero, il colloquio con ogni singolo imprenditore riveste per noi un’importanza fondamentale.

È il momento in cui capiamo chi verrà finanziato, quali sono i suoi progetti d’investimento e che capacità di rimborso ha.

Per preparare al meglio l’imprenditore durante la nostra chiacchierata siamo soliti discutere insieme Il nostro questionario qualitativo che analizza diversi aspetti che suddividiamo in tre macroaree:

  • Competenze chiave delle imprese
  • Posizione competitiva
  • Attrattività del settore in cui opera

Ogni singola voce presenta più domande che sottoponiamo all’imprenditore per andare a fondo e avere tutte quelle informazioni utili che serviranno per portare avanti una richiesta di finanziamento.

Sono tre le analisi fondamentali che formano il giudizio sul merito creditizio da parte di una Banca secondo l’approccio Base del Rating Interno.

Tutte e 3 le analisi quantitativa, qualitativa e andamentale vengono effettuate dalla Banca, ma hanno un peso diverso fra loro.

Nel prossimo capitolo affronteremo l’analisi andamentale!

Vuoi saperne di più? Mettici alla prova! CONTATTACI 

La prossima “Impresa” potrebbe essere la tua!

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle soluzioni finanziarie per la tua azienda.

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Potrai consultare le nostre Privacy Policy e Cookie Policy aggiornate in qualsiasi momento.