MENU
Case History

CASE HISTORY AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Non sono tempi facili. Stiamo vivendo questa drammatica situazione con giusta e comprensibile attenzione all'aspetto sanitario, ma non dobbiamo dimenticarci che il nostro ruolo professionale è quello di contribuire a evitare un crollo del nostro sistema economico. Non ci possiamo fermare, ed è per questo che vogliamo condividere con te l'esperienza di uno dei nostri collaboratori, Nicola Carboni: nonostante le misure restrittive adottate recentemente dal nostro governo, Nicola è riuscito a concludere con successo un'operazione di trade finance internazionale. Leggi la sua testimonianza:

 

Caro Collega,

tutti noi stiamo vivendo questa drammatica situazione con giusta e comprensibile attenzione all’aspetto sanitario, ma consapevoli che il nostro ruolo professionale è quello di contribuire a evitare un crollo del nostro sistema economico.

La probabile durata delle restrizioni alla mobilità ci impone di organizzarci affinché il nostro lavoro possa esercitarsi anche da remoto avvalendoci delle tecnologie fortunatamente disponibili. Sono il primo a cui non piace, ma dobbiamo adattarci.

Sino a poche settimane fa non avrei mai pensato di riuscire a strutturare un’operazione di discreta complessità senza muovermi dalla postazione di lavoro, ma sono stato favorevolmente stupito che si riesca a fare.  Per dare a tutti voi un messaggio di ottimismo ho pensato di farne una “Case History ai tempi del Coronavirus”.

Un’azienda lombarda produttrice di impianti (nello specifico, per la produzione di cioccolato) ha concordato la vendita di un impianto a un produttore peruviano. Come sempre accade nella compravendita di impianti produttivi, l’acquirente ha chiesto la possibilità di optare per pagamento dilazionato in almeno 24 mesi. La società venditrice, sia per evitare rischio di credito sia per sostenere lo squilibrio di cash flow, ha richiesto il nostro intervento.

In altri momenti sarei salito in macchina senza indugio...ma di questi tempi non se ne parla. Tuttavia, abbiamo potuto arrangiare a distanza un’operazione di trade finance:

- ci siamo fatti inviare i bilanci della società peruviana importatrice

- abbiamo sottoposto la società alla valutazione di un’assicurazione del credito commerciale

- abbiamo interpellato un forfaiter per lo sconto di titoli di debito assicurati

- ottenuti i riscontri, abbiamo sottoposto all’acquirente un piano di pagamento dilazionato

- avutane l’accettazione, abbiamo condiviso la contrattualistica tra venditore e acquirente.

Niente di che...una piccola operazione. Tuttavia il venditore potrà incassare alla spedizione, l’acquirente potrà pagare nel corso dell’utilizzo dell’impianto, l’assicurazione lavora, il forfaiter lavora, noi prendiamo le nostre commissioni...e la vita va avanti.

Nicola Carboni

 

 

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato sulle soluzioni finanziarie per la tua azienda.

Il rispetto della tua privacy è la nostra priorità

Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza nel nostro sito. Accetta e continua per prestare il consenso all’uso di tutti i cookie. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Potrai consultare le nostre Privacy Policy e Cookie Policy aggiornate in qualsiasi momento.